mercoledì 19 dicembre 2012

dicembre 2012

I tre strofinacci ricamati su commissione. Finalmente finiti.

mercoledì 12 dicembre 2012

Tapenade

E' un'idea golosa e sfiziosa per preparare crostini in pochi minuti.

100 gr di olive denocciolate
1 spicchio d'aglio
timo
una manciata di capperi
un paio di acciughe dissalate
olio evo
pò di peperoncino (io ho usato l'olio al peperoncino fatto da me)
succo di mezzo limone

Tritare le olive insieme l'aglio, il timo, i capperi e le acciughe.
Diluire il composto con l'olio e il succo di limone.Lasciar riposare per almeno un'ora e poi servire la salsa con crostini.

domenica 2 dicembre 2012

Pesche dolci

Questi dolcetti sono un ricordo della mia infanzia. C'era una mia zia che immancabilmente al compleanno delle cuginette, era solita prepararle e io ne ero ghiotta.
Avevo provato a farle altre volte ma erano decisamente più dure e compatte e non ne ero soddisfatta.
Ho trovato questa ricetta e l'ho provata, PERFETTE, 








per una cinquantina di pezzi
1 kg di farina oo
380 gr di burro
380 gr di zucchero semolato
100 ml di latte
3 uova
3 bustine di lievito
rum
buccia di un limone grattuggiata
sale
per la farcia
nutella
zucchero semolato
alchermes



preparazione


Far sciogliere il burro a bagnomaria e lasciarlo raffreddare.
Sbattere le uova e aggiungere pian piano lo zucchero, quando saranno ben montate a poco a poco il latte e il burro freddi.
La buccia di limone, un cucchiaio di rum e un pizzico di sale.
A questo punto cominciare ad aggiungere la farina e il lievito setacciati.
Il composto deve risultare ben sodo, lasciare riposare mezz'oretta.
Formare delle palline (di circa 20 grammi) e adagiarle sulla placca da forno rivestita con la carta e infornare a 180 gradi per una decina di minuti.


una volta cotti i biscotti unirli due a due mettendoci della nutella tra loro e una mandorla (Conficcata tra le due parti) stando attenti che non si rompa il biscotto.

Intingerle nell'alchermes e infarinarle nello zucchero.
L'ideale è lasciarle riposare fino al giorno dopo in modo che la bagna si asciughi e si formi una croccante crosticina che ben si abbina alla morbidezza dell'interno.






sabato 20 ottobre 2012

Toro, vergine e cancro




Torta morbida al gianduia

Lamentarmi del poco tempo che ho, è diventata una mia prerogativa... il voler  ma non poter fare a volta diventa snervante.
Allora guardo, visito, studio i blog degli altri chiedendomi quando arriverà il mio turno, unpò di tempo per me non guasterebbe.


Ecco allora tra corse avanti ed indietro provar a fare questa torta presa da Sale&Pepe del mese scorso.
Non ero molto convinta, anche se la foto era davvero inviante,senza lievito? Che mattone sarebbe stato? ma il risultato ha superato le mie aspettative, non nascondo però che una fettina risulta ben corposa ma il gusto è davvero ottimo

Ingredienti:

180 gr di cioccolato al gianduia
150 gr di burro
80   gr di farina
80   gr di nocciole tostate
180 gr di zucchero al velo
4 uova
30 gr di zucchero semolato
sale

per il decoro
cacao amaro
zucchero per il caramello






Sciogliere a bagnomaria il cioccolato al gianduia con il burro.

Tritare finemente le nocciole tostate con metà dello zucchero a velo fino a ottenere una polvere fine.

Separate i tuorli dagli albumi e unite i primi al composto di cioccolato-burro ancora in bagnomaria, aggiungendo poi lo zucchero al velo rimasto e le nocciole tritate. A questo punto togliete l'impasto da bagnomaria.

Montate gli albumi a neve con un pizzico di sale e lo zucchero semolato fino ad ottenere una meringa morbida e incorporatela senza smontarla al composto, dopo aver aggiundo la farina setacciata.

Versate l'impasto in uno stampo rivestito da carta da forno bagnata e strizzata e cuocetelo in forno a 230 gradi per i primi 10 minuti poi abbassate a 180 gradi per i restanti 25 minuti.

Una volta raffreddata mettetela in frigorifero per 6/7 ore (io l'intera notte), dopodichè spolverizzatela con il cacao amato e decoratela con dello zucchero caramellato.



E la mia Polpe cresce, e 5 mesi son trascorsi dalla sua nascita.



giovedì 2 agosto 2012

Le stupidee- melanzane alla pizzaiola


Cosa non si fa per guadagnare tempo. Non ho ancora riempito i peperoni o i pomodori.
Non mi sono cimentata in melanzane alla parmigiana o zucchine....
Per fare degli stuzzichini veloci ho utilizzato senza perder tempo:
1 melanzana
1 vasetto di passata di pomodoro
sottilette
qualche cappero
origano e niente sale




Infornate per 10 minuti a 180 gradi e lasciatele dentro il forno una volta spento.






Si lasciano mangiare.



mercoledì 4 luglio 2012

Coppette crema fragole

Son ritornata, dopo un bel pò di assenza, ma il tempo è sempre poco, soprattutto ora.
Il caldo è a dir poco infernale e quel poco di tempo libero che ho, la voglia di cucinare è di molto calata.





Ho preparato questi bicchieri mettendo una base di biscotti sbriciolati amalgamati con una noce di burro.
Una volta solidificati in frigo, ho aggiunto della crema pasticcera, (la prossima volta proverò con della chantilly) e sopra delle fragole.

Semplici ma di buon risultato.




Demetra cresce.

lunedì 21 maggio 2012

il mio capolavoro

Demetra è nata lunedì 14 maggio.
Il mio capolavoro numero 3.
A presto!!!

sabato 12 maggio 2012

Torta mimosa


Eccola, l'ho fatta!!!
Sarà sicuramente in ritardo rispetto il periodo della festa della donna, ma ero curiosa di provarla e devo dire che il risultato ha superato le aspettative.
Temevo molto per il pan di spagna ma è venuto soffice come lo volevo.
Ho sostituito soltanto l'ananas con le fragole.





Per il pan di spagna:
4 uova
100 g di farina 00
100 g di fecola
130 g di zucchero
1/2 bustina di lievito per dolci
pizzico di sale

Per la crema pasticcera:
1 uovo
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiaio di farina 00
400 ml di latte
1 bustina di vanillina
150 di panna fresca liquida

1 vaschetta di fragole
un cucchiaio di zucchero
mezzo limone


Preparare il pan di spagna montando molto bene e a lungo i tuorli con lo zucchero.
Mescolare la farina con la fecola, il lievito e il sale e incorporare il tutto alle uova.
Montare gli albumi a neve ed unirli al composto con una spatola molto delicatamente.
Cuocere il composto così ottenuto in uno stampo a cerniera con la carta da forno per 40 minuti circa a 180°.

Intanto preparare la crema. Mettere a scaldare il latte e a parte in una terrina sbattere l'uovo con lo zucchero e la farina, quando il latte avrà raggiunto il bollore aggiungere al composto d'uovo che verrà rimesso sul fuoco, aggiungere la vanillina e mescolare finché comincerà ad addensare.

Montare la panna ben soda.
Pulire le fragole e tagliarle a pezzetti, aggiungerci un cucchiaio di zucchero e il succo di mezzo limone e lasciare macerare.

Una volta sformata e fatta raffreddare la torta tagliare in senso orizzontale.
Svuotare l'interno lasciando il fondo e il bordo uno spessore di 1 cm.
Bagnare l'interno con il succo lasciato dalle fragole e zucchero, versare la crema pasticcera  8lasciandone un paio di cucchiaiate per la farcitura esterna)e le fragole all'interno della torta e coprire con la calotta.
Ricoprire il dolce sopra ed intorno con la crema lasciata e guarnire tutta la superficie con la pasta tolta precedentemente all'interno formando delle palline, ma come viene viene.

Mettere il tutto in frigorifero.





venerdì 4 maggio 2012

Le stupidee - biscotti al cocco

Sono ormai alla fine della mia ultima avventura, no, sbaglio, sono ormai arrivata all'inizio di una grande nuova avventura. La voglia di mettermi a cucinare sta diminuendo anche perchè lo trovo un pò faticoso.
Poi vedremo se ritorna.
Intanto per fare qualcosa di gustoso ma veloce ho preparato dei biscotti al cocco che non richiedono alcuna capacità ne tantomento tempo, e di queste ricette ne sto facendo diverse in questo periodo, le chiamo le stupidee......




Biscotti al cocco:
2 uova
175 gr di zucchero
250 gr di farina di cocco.

Montate bene con il frullino le uova con lo zucchero, finchè diventano spumose e chiare.
Aggiungere la farina di cocco ed amalgamare bene.
Mettere l'impasto a riposare in frigo.
Preparare le palline adagiate su una placca con della carta da forno e infornare a 150 gradi per una decina di minuti circa. Devono prendere un pò di colore.
Spegnere il forno e lasciarli ancora dentro (io lo faccio con lo sportello aperto) in modo che si rapprendano.







Ora mi son segnata qualche ricetta che voglio provare a fare per la prima volta: vedremo che succederà
la torta mimosa
la torta frangipane (che da poco ho scoperto esistesse)
la red velvet cake

Qualche altra idea???
Ciao alla prossima.

giovedì 19 aprile 2012

Lonza di maiale marinata all'arancia e senape

 Ho trovato questa ricetta  su un vecchio numero di Sale e Pepe e mi ha subito conquistata, quando vedo in mezzo la senape alzo le antenne e mi incuriosisco.


Ingredienti:
1 kg di lonza di maiale
2 scalogni
un'arancia non trattata
2 cucchiai di senape rustica
4 bacche di ginepro
2 rametto di mirto (non l'ho messo)
1 dl di vino bianco
olio extravergine d'oliva
sale, pepe


Tritate gli scalogni e incorporateli alla senape: unite il succo dell'arancia, le bacche di ginepro, pepe, un filo d'olio e il vino. Versate la marinata sulla carne e lasciatecela riposare, rigirandola di tanto in tanto.


Dopo un paio d'ore, sgocciolate la carne dalla marinata, aggiungete il sale e cuocetela su una teglia in forno a 180 gradi per un'ora, coprendo con un foglio di alluminio a metà cottura, irrorando di tanto in tanto con la marinata.
Il risultato è una carne molto morbida e gustosa, ottima per l'inverno, che ahimè qui non è ancora finito!!



sabato 31 marzo 2012

Panini per Hot Dog (con lievito madre)


Eccola finalmente la mia pasta madre pronta, più o meno a lievitare.
E' ancora giovane se non neonata ma il suo lavoro
pian piano lo fa.
Grazie a Sandra nel suo  BLOG. ho trovato tanti spunti per sfruttare questo prezioso ingrediente
altrimenti mi limiterei a fare solamente pizze e pizzette.
Pian pianino ne farò una bella raccolta .



per 10/12 panini
480 gr di farina 0
315 acqua 
90 gr di lievito madre (io ne ho usati 100 tondi)
25 gr di zucchero
30 gr di latte in polvere
25 gr di burro morbido
sale


Prima operazione:  ( fatta nel tardo pomeriggio) Ho sciolto il lievito madre con 100 ml di acqua tiepida, aggiungerci la farina, lo zucchero, il latte in polvere e l'acqua rimanente. Impastare e lasciare a riposare per un'ora circa.

Seconda operazione: (fatta dopo cena) Aggiungere il burro morbido e il sale. Impastare ancora un pò, la pasta deve risultare soda e liscia. Attendere l'inizio della lievitazione e metterla in frigo per 10/12 ore.

Terza operazione: (fatta la mattina presto successiva) Togliere dal frigo la pasta e lasciarla a temperatura ambiente  prima di metterci mano almeno per 2 ore

Quarta operazione: (fatta a metà mattina) dividere l'impasto in palline da 90 gr ciascuna. Con il mattarello ho dato una forma rettangolare, ho portato i due lati dx e sx al centro e partendo dal basso li ho arrotolati come dei sigari. Rimangono a lievitare per altre 4/5 ore.

Quinta operazione: (fatta nel pomeriggio) Pennellare la superficie dei panini con del latte tiepido e infornare a 190 gradi per 20 minuti circa avendo l'accortezza di mettere nel forno un pentolino con dell'acqua .




E questi sono i miei primi panini al latte, sebbene sia da migliorare, la mia tecnica, il risultato è stato apprezzato. Il pane è decisamente più digeribile e leggero.


Sesta operazione:  (fatta la sera) Bolliti i wurstel e accompagnati con della senape e del ketchup sono praticamente finiti nel giro di 10 minuti.

mercoledì 28 marzo 2012

lunedì 26 marzo 2012

Schie con polenta


Le schie sono dei gamberetti grigi, tipici della laguna veneta. Si possono mangiare fritti, o si possono sbollentare e condire con aglio olio e prezzemolo.
Essendo veneziana la polenta è rigorosamente bianca, ma accompagnata con la gialla non cambia nulla se non il colore.




Dopo averli lavati sotto l'acqua corrente, vanno asciugati bene e infarinati.
Buttati in olio bollente si cuociono in 2 minuti.
Tolti dall'olio vanno asciugati dall'olio in eccesso.
Accompagnati ad una polenta cremosa è la loro morte.
Buon appetito!! 



martedì 20 marzo 2012

Crespelle ai carciofi e fontina

La sfida di questo mese non poteva non essere colta al volo.
Le crepes o crespelle, infatti è un piatto che spesso lo si mangia alla domenica. 





Come da indicazioni gli ingredienti per le crepes sono:
150 gr di farina 0
350 ml di latte
50 ml di acqua
2 uova
pizzico di sale
burro chiarificato per ungere la padella


Preparata la pastella l'ho lasciata riposare in frigorifero.





Nel frattempo ho preparato i carciofi:

4 carciofi
1 cipolla media
sale
pepe
un goccio d'olio

Puliti i carciofi, privati delle foglie esterne e delle punte, li ho tagliati a metà, privari delle barba li ho affettati finemente. Nel frattempo in una padella ho messo un goccio d'olio dove ho fatto rosolare la cipolla.
Ho quindi aggiunto i carciofi. Ho regolato di sale e di pepe e un mestolo d'acqua li ho lasciati andare per mezz'oretta coperti con un coperchio finchè son risultati ben morbidi.

Mentre andavano i carciofi ho preparato la besciamella:

500 ml di latte
50 gr di farina
50 gr di burro
sale
noce moscata

In un pentolino ho fatto scaldare il latte, in un altro fuso il burro con la farina, ho aggiunto il latte caldo e mescolando aggiunto il sale e una grattattina di noce moscata.
Fino a quando arriva al bollore e si addensa.

Preparato il tutto ho preparato le crepes.

250 gr di fontina a pezzetti


Per comporle ho messo della besciamella, un paio di cucchiaiate, nei carciofi per rendere il composto più morbido e ho riempito le crepes con un pò di ripieno di carciofi e della fontina, arrotolate e disposte in una pirofila.
Composte tutte ho colato il resto della besciamella su tutte le crepes e messo gli ultimi cubetti di fontina .



In forno a 180 gradi per una mezz'oretta.


Il risultato è un piatto dal gusto delicato e "primaverile".

Con questa ricetta partecipo al MTchallenge di Marzo

Purtroppo la foto, non è delle più artistiche, anzi sarà sicuramente la peggiore, l'ho scattata mentre i commensali aspettavano inpazienti di mangiare....tempo di posizionare e rendere il tutto più poetico io proprio non ce l'ho.


sabato 17 marzo 2012

Frollini con farina di riso (buonissimi e leggerissimi)

 Eccomi, ormai alla 31esima settimana. Il pancione aumenta sempre più e la mia tata ormai di quasi 1 chilo e 900....


 Questa settimana ho voluto preparare un frollino "da the?", non so, sono stati spazzolati via prima di riuscire a fare una crema inglese da accompagnare....mi sembrava un'accoppiata vincente.




La preparazione di questi frollini è semplice e veloce, una pasta frolla più delicata e friabile della classica.
Ingredienti:
100 gr di farina di riso
200 gr di farina 00
80 gr di burro
80 gr di zucchero
3 cucchiai di latte
1 uovo
1/2 bustina di lievito
un pizzico di sale
qualche goccia di essenza di limone
zucchero al velo

Impasto il tutto velocemente tutti gli ingredienti. Lascio riposare per mezz'ora in frigorifero.
Con il mattarello spiano la pasta de la taglio con la forma desiderata.
Cuocere in forno a 180 gradi per 10 minuti circa. (anche prima) Non si devono scurire, io li tiro fuori che sono ancora bianchi e teneri, nessuna paura perchè  poi si induriscono.




martedì 13 marzo 2012

Crema catalana

Qualche tempo fa, quando il freddo bussava alle nostre porte, ho provato a fare un dolce al cucchiaio di cui sono ghiotta.
A dir il vero, nonostante il divieto di mangiar dolci, una cucchiaiata l'ho assaggiata.

500 ml di latte
25 gr di maizena
4 tuorli
buccia di un limone
100 gr di zucchero (ne ho usato 80)
pizzico di cannella


Dapprima ho amalgamato la maizena in poco latte, il restante, insieme alla buccia del limone l'ho messo in un pentolino al fuoco, una volta arrivato all'ebollizione, l'ho tolto.
A parte ho lavorato i tuorli con lo zucchero,un pizzico di cannella e aggiunto il latte con la maizena , in un secondo momento il latte caldo.
Rimesso il tutto sul fuoco si porta ad ebollizione, a fiamma bassa, cuocerla per altri 2/3 minuti.
Versare nelle pirofiline e cospargere con zucchero di canna, io li ho messi in forno a grill finche lo zucchero si è sciolto.

venerdì 2 marzo 2012

Cinnamon Rolls


In attesa che la pasta madre maturi, ho provato questa ricetta.
Sono buonissimi e leggeri, ottimi per una buona colazione.




200 gr di farina manitoba
300 gr di farina 00
1 bustina di lievito disidratato
50 gr di zucchero
60 gr di burro fuso
1 uovo
250 latte tiepido
sale vanillina


Senza tanti preamboli di messo tutto nel'impastatrice che ha fatto il suo lavoro.
Ho lasciato riposare il composto per un'ora circa.
Ho steso la pasta e cosparso di cannella e zucchero di canna, ho arrotolato e tagliato le girelle.
Le ho disposte su una placca con la carta da forno. Lasciato riposare per altri 20 minuti e infornato a 180 gradi per una decina di minuti....






sabato 25 febbraio 2012

Torta con crema alla clementina

Qualche domenica fa, girando tra i vari blog, sono incappata in quello di Ivana  (http://cucinariodinonnaivana.blogspot.com/2012/02/torta-con-crema-di-arancia-e-ancora.html), una stupenda ed invitante torta con crema all'arancia, non ho resistito e con gli ingredienti che avevo, tra l'altro un bel pò di clementine in frigorifero, ho fatto questa tortina che è  piaciuta molto a tutti.





Ingredienti:
250 grammi di farina
1 bustina di lievito
80 grammi di zucchero
1 uovo
80 grammi di burro sciolto
mezzo bicchiere di succo di mandarancio

per la crema:
400 cl di latte
60 grammi di zucchero
40 grammi di farina
2 tuorli
mezzo bicchiere di succo di mandarancio

Ho preparato la solita pasta frolla (con l'aggiunta del  lievito).
Mentre l'ho lasciata a riposare ho preparato la crema.
Ho messo a bollire il latte e nel mentre ho sbattuto i tuorli con lo zucchero e la farina.
Ho aggiunto il latte caldo e quando è ben amalgamato ho rimesso il tutto al fuoco e lasciato addensare. Alla fine ho aggiunto un pò di succo di mandarino


Ho diviso la pasta un due parti.
Con la prima ho coperto la tortiera formando bene dei bordi alti, ho versato la crema e coprerto con un secondo cerchio chiudendo bene in modo che non fuoriesca la crema.
Infornato per mezz'oretta a 180 gradi.

Una volta fuori dal forno ho spennellato con il rimanente succo e cosparso con lo zucchero semolato, che formerà una crosticina.




giovedì 16 febbraio 2012

sabato 11 febbraio 2012

Torta di carote e nocciole


Sabato pomeriggio sotto il gelo. Voglia di calore e di sole! Non ci possiamo lamentare, vedendo quello che è successo in altre parti d'Italia, qui è un angolo felice, mai nevicato, solo tanto freddo e vento.
Mentre la sottoscritta va avanti  a jogurt e frutta, gli altri della famiglia si rimpinzano con quello che preparo, si perchè quando non posso mangiare mi sbizzarrisco a cucinare.




Ingredienti:
250 grammi di carote
250 grammi di nocciole tostate
250 grammi di zucchero
160 grammi di farina
5     uova
1     bustina di lievito
1     fialetta aroma al limone
zucchero al velo



Gratuggiare finemente le carote.
Tritare le nocciole tostate.
Montare a neve gli albumi.
Montare i tuorli con lo zucchero finchè diventano spumosi.
Aggiungerci le carote, le nocciole, la farina setacciata con il lievito e l'aroma al limone.
Infine gli albumi montati a neve.
Infornare per 40 minuti a 180 gradi.
Una volta raffreddata cospargere con lo zucchero al velo.