mercoledì 29 giugno 2011

Giorno e notte e Magia di un amore di Lisa Kleypas


Ingredienti:

200 gr di burro
300 gr di zucchero
4 uova
1 fialetta aroma di limone
sale
325 di farina
1 bustina di lievito
40 gr di cacao amaro

Lavorate il burro a crema ed aggiungete 280 gr di zucchero, uova, aroma e sale.
Impastate a cucchiaiate la farina setacciata alternata con 3 cucchiai di latte e aggiungete il lievito.
Dividete l'impasto in due parti, ad una parte aggiungete il cacao, 3/4 cucchiai di latte, lo zucchero rimasto e mescolate bene.
Versate l'impasto chiaro in uno stampo foderato con carta da forno e copritelo con l'impasto al cacao. Passate a spirale con una forchetta dall'alto verso il basso attraverso i due strati di pasta.
Cuocete a 180 gradi per 45' circa.






Genere e ambientazione: storico, Inghilterra, 1832-1844 (epoca vittoriana)

Sensuality Rating / Livello di Sensualità: bollente / ho

Edizione Italiana: Romanzi Mondadori, collana Emozioni, giugno 2011


Aline Marsden e John McKenna
si sono conosciuti quand’erano solo ancora bambini per un gioco del caso: lei è la figlia del severo e ricchissimo conte di Westcliff, lui un povero orfano, costretto per sopravvivere a lavorare fin da piccolo come sguattero e garzone di stalla a Stony Cross Park, la proprietà dei Westcliff. Tra i due ragazzi nasce un legame fortissimo: diventano compagni di giochi, amici inseparabili, anime gemelle. Gli anni passano, i due bambini crescono, e diventano prima ragazzini, poi adolescenti… e pian piano, il loro rapporto cambia. I loro incontri sulla riva del fiume e nelle scuderie diventano a poco a poco l’occasione di scambiarsi carezze, abbracci, i primi baci – ma sono baci improntati alla disperazione di chi sa di non avere davanti a sé un futuro, perché il suo destino è già segnato.
Il conte di Westcliff infatti scopre la loro relazione, e decide di cacciare immediatamente McKenna, per tutelare la virtù della figlia. Solo l’insistenza di Aline riesce a strappare all’anziano nobiluomo la promessa che gli troverà un altro posto di lavoro: in cambio, però, il conte esige che la figlia faccia in modo che McKenna non si faccia mai più rivedere a Stony Cross Park, o per lui sarà la fine. C’è una sola cosa, però, che tiene legato McKenna a Stony Cross Park, ed Aline lo sa bene: è lei. Così, con la morte nel cuore, decide di proteggere il ragazzo dall’ira di suo padre, rendendogli impossibile restare: lo convince che non lo ama, che i loro incontri segreti sono stati per lei un divertimento, un passatempo e nulla più, e che con lui ha soltanto scherzato. Aline mente tanto bene che McKenna le crede; così se ne va, col cuore spezzato, e decide di emigrare in America lasciandosi per sempre l’Inghilterra alle spalle…

.. ma dodici anni dopo, McKenna torna in Inghilterra, come ospite dei Westcliff proprio in un ricevimento a Stony Cross Park: è ricchissimo facendo fortuna in America, e ora veste con abiti eleganti e vive in una casa lussuosa nella Fifth Avenue, a New York. Non c’è più nulla in lui del ragazzo aperto, allegro e affettuoso che Aline aveva tanto amato: è un uomo cupo e chiuso in se stesso, silenzioso, dall’aria pericolosa, feroce, quasi da predatore. E Aline dentro il suo cuore sa il perché di questo cambiamento: McKenna è tornato perché vuole vendetta, per la crudeltà con cui lei tanti anni prima si era fatta beffe del suo amore. Ma prima di ogni altra cosa, McKenna vuole sapere la verità: perché Aline non si è mai sposata, e vive da sola in campagna, con la sorella?

Spiegare a parole in cosa consista la magia dei romanzi di Lisa Kleypas è semplice, ed allo stesso tempo è un’impresa molto ardua. E’ semplice, perché il tutto si potrebbe riassumere in un solo concetto: sensualità. Non c’è nessun’autrice che sia capace come Lisa Kleypas di descrivere un gesto elementare, una situazione banale, un’atmosfera caricandoli allo stesso tempo di tanta elettricità e aspettativa. Ma, allo stesso tempo, spiegarlo a chi non conosce quest’autrice è complesso, perché se si dovesse indicare qual è la tecnica specifica che la Kleypas usa, quali accorgimenti adotta per produrre questo risultato, si rimane spiazzati e non si sa cosa rispondere.
Non c’è pagina, non c’è una riga di MAGIA DI UN AMORE in cui non sentiamo vibrare fortissima l’attrazione tra Aline e McKenna, a dispetto della facciata che entrambi esibiscono per dissimulare l’uno all’altra le loro vere emozioni. Non c’è un momento in cui il lettore non si senta lì, insieme a loro, sulla scena, col fiato sospeso in attesa di quando, finalmente, la passione e l’amore avranno la meglio su ogni incomprensione e difficoltà.


McKenna. Non ha mai cessato di sperare dentro di sé nell’amore di Aline, ed è talmente generoso che arriva a proporle un matrimonio solo in nome del loro passato amore. Anche ammesso che di questo amore non resti più traccia adesso, McKenna promette ad Aline che lui saprà amarla abbastanza per tutt’e due.
Come dire di no a un uomo del genere? Nemmeno Aline ci riuscirà, alla fine della storia… e a noi non resta che chiudere il libro con un sospiro, augurandoci che uomini simili esistano, da qualche parte, per davvero.

8 commenti:

  1. Ciao!! Piacere di conoscerti!!!
    Mi inserisco tra i tuoi sostenitori e ora con tutta calma, mi guardo il tuo bellissimo blog!!!
    Un abbraccio e a presto!!!!

    RispondiElimina
  2. questa è in assoluto la mia torta preferita!! La rifarò presto, grazie per avermici fatto pensare :))

    RispondiElimina
  3. La torta ha l'aria buonissima... ma il libro ancora di piu'... correrei ora in libreria!!!

    RispondiElimina
  4. Ciaooo Piatrizia è un piacere conoscerti!! mi piace l'idea di un post tra una ricetta e la recensione di un libro! ma sai che hai proprio ragione?? io mi ero immersa leggendo la trama! Complimenti epr il tuo blog.. Ahh prendo una fetta di dolce.. quello bicolore è tra i più buoni nella sua semplicità! smackkk e torna a trovarmi mi farebbe piacere :-D

    RispondiElimina
  5. Sono contenta che tu sia passata dal mio blog e trovo che il tuo sia bellissimo, molto originale ciao Paola

    RispondiElimina
  6. Una torta sofficissima, brava!

    RispondiElimina
  7. Che connubio interessante: libro e ricetta! Davvero complimenti per questa scelta originale e di classe :-)

    RispondiElimina